MOBBING:

RACCONTA LA TUA STORIA

Lavora con noi

Quando la Legge è quella del più forte

 


I miei colleghi troppo 'affettuosi'

 

NeLLA SEDE della Giustizia, la mia ingiustizia

Ho 32 anni e da 12 lavoro in una caserma dei Carabinieri. Da circa 3 anni sono vittima di mobbing da parte dei miei colleghi. Inizialmente avevo interpretato come un gioco le mani sul sedere, le volgarità dette per "scherzare"... Dopo un po', però, mi sono opposta al loro modo di fare: il mio calvario è iniziato allora. Urla per qualsiasi cosa: un ritardo, un mestolo che cade. Offese in presenza di altre persone, ed io sempre zitta. Adoravo il mio lavoro, la 'mia' caserma; svolgevo anche mansioni che non mi competevano perché mi piaceva l'ordine e la pulizia. Ma negli ultimi mesi non riuscivo più a fare nulla, ero diventata lenta, distratta e piangevo spesso. Non li sopportavo più. Un giorno, dopo l'ennesima offesa per niente, mi sono sentita male e sono andata in ospedale per una crisi di panico.

 

ho denunciato, MA NESSUNO SI MUOVE

Da tre mesi sono a casa. Ho denunciato i miei colleghi e chiesto il trasferimento, ma ancora nulla... Così, resto a casa. Nessuno si muove.

Il mio direttore sapeva tutto, mi aveva detto che mi avrebbe aiutato, invece non mi ha tutelata. La mia azienda se n'è lavata le mani. Il sindacato? Lasciamo stare... Sono seguita da un avvocato penalista e da una psicologa, ciò nonostante il mio stato psicofisico peggiora ogni giorno di più perché mi sento abbandonata. Mi sono rivolta ad uno sportello anti-mobbing dedicato alle donne, vorrei diventarne una volontaria per ritrovare la forza che ho perso. In 12 anni di lavoro ho sempre fatto il mio dovere, risultando una delle migliori operaie... È servito? No! Se potessi ritornare indietro rifarei tutto. Bisogna trovare la forza di far valere i propri diritti, la salute è il bene più importante!

Alessandra

 

Vai alla Homepage

Racconta la tua storia: verrà pubblicata.

Vai all'indice di "Mobbing: racconta la tua storia"

Vai alla pagina "Guida al mobbing"

Vai alla sezione "lavor@ con noi"

Stampa questa pagina

 

Valid HTML 4.01 TransitionalValid CSS