MOBBING:

RACCONTA LA TUA STORIA

Lavora con noi

Quando a farti del male sono i colleghi

 


frecciaColleghe 'amiche', alle spalle nemiche

 

SOSTITUTA DI UNA "INCOMPETENTE"...

Lavoro come segretaria in ufficio con due colleghe senior e la direttrice, mia diretta responsabile. Sono stata assunta come sostituta di una segretaria che ricopriva la posizione da 10 anni: è stata trasferita in un altro dipartimento perché, stando a quanto riferito dalle colleghe e dal capo, era scomoda e incompetente. Dubbiosa su questi giudizi, gestisco la situazione imbarazzante di dover prendere inconsapevolmente il posto di un'altra; accetto perché, come si sa, è dura trovare lavoro di questi tempi e in fondo non c'entro niente con queste dinamiche.

Le colleghe si pongono inizialmente bene nei miei confronti, così come la direttrice: riesco a gestire adeguatamente la mansione e il mio contratto di un anno viene rinnovato, con un altro contratto a tempo determinato di un anno.

 

... SONO INCOMPETENTE ANCH'IO?

Subito dopo il rinnovo, iniziano i problemi: improvvisamente, in un clima di forti tagli del personale in azienda, il mio capo mi riferisce che più volte le due colleghe sono andate a dirgli che non ero collaborativa, che in più di un'occasione avevo sbagliato; il capo quindi mi dice di aver paura di aver assunto la persona sbagliata e inizia a elencarmi tutta una serie di difetti nel mio lavoro, assolutamente contestabili.

Stupita dai giudizi severi e dal comportamento delle colleghe fino a poco prima "amiche", mi difendo, esprimendo il mio dispiacere per la situazione ma facendo anche notare che ho prove tangibili (e-mail scritte, risultati ottenuti) che dimostrano invece un buon rendimento da parte mia (compresa una scheda di valutazione sul mio operato, firmata dal capo appena 6 mesi prima, in cui avevo ottenuto ottime valutazioni).

 

ACCUSE FALSE, RICHIESTA DI DIMISSIONI VERA

Il fatto che abbia cercato di difendermi, e abbia sottolineato l'evidenza che quanto detto contro di me fosse effettivamente falso, ha dato luogo all'inizio di un incubo: le colleghe si chiudono in ufficio a parlare con il capo tutti i giorni, fino a quando vengo chiamata a una riunione 3 contro 1, durante la quale non solo vengo seriamente criticata, ma vengono anche inventati di sana pianta errori che non ho mai commesso. Vengo accusata di avere poche mansioni da svolgere, di essere lenta nel mio operato e addirittura volano parolacce nei miei confronti (alla presenza delle colleghe, che ovviamente non prendono le mie difese ma, anzi, alimentano la rabbia del capo). Il capo mi invita ad andarmene, ma dico chiaramente di non voler dare le dimissioni, cercando di mantenere tutta la calma e il self control possibili.

 

"VUOLE GUERRA? LA AVRÁ!"

Il capo ormai, dopo avermi detto che "se voglio guerra la avró", non perde occasione per rimproverarmi ogni giorno su cose di poco conto. Io continuo ad andare al lavoro, comportandomi con educazione e cercando di mantenere un rapporto civile con le colleghe, che, nonostante tutto, non smettono di dispensare falsi sorrisi e fingere che vada tutto bene, per poi pugnalarmi dietro le spalle alla prima occasione utile. Svolgo ogni compito col terrore di essere richiamata e tutte le sere sono costretta a mandare un report alla responsabile, su sua richiesta, di quello che faccio giornalmente, con un timing di quanto tempo ci metto a svolgere le mansioni.

 

CONTINUO A LAVORARE, MA...

Ho avuto modo di scoprire che anche le colleghe che prima di me hanno lavorato lì sono state vittime di mobbing (ora si spiega la vera motivazione per la quale la persona prima di me è andata via senza salutare nessuno, poco prima del suo trasferimento ad altra divisione). Terró duro, ma credo che prima o poi riusciranno nell'intento di licenziarmi. Inizio a soffrire di attacchi di panico, tachicardia, insonnia e non ho piu vita sociale al di fuori del lavoro perche non ho voglia di vedere le amiche. È assurdo che si vengano a creare situazioni di questo tipo: dovrebbero essere contrastate come il razzismo e il bullismo e invece vengono permesse, nascoste e perpetrate ai danni delle persone che si trovano sole e minacciate in tutto questo.

 

User4563

(lettera firmata)


Vai alla Homepage

Racconta la tua storia: verrà pubblicata.

Vai all'indice di "Mobbing: racconta la tua storia"

Vai alla pagina "Guida al mobbing"

Vai alla sezione "lavor@ con noi"

Stampa questa pagina


Valid HTML 4.01 TransitionalValid CSS