PRONTO SOCCORSO

Bella fuori

Ostruzione da corpo estraneo nell'adulto

 

La dott.ssa Elena Cerutti, medico chirurgo ospedaliero con specializzazione in Medicina Interna, ci spiega come affrontare l'ostruzione da corpo estraneo delle vie aeree. GUARDA IL TUTORIAL CON IMMAGINI

 

L'OSTRUZIONE DA CORPO ESTRANEO, UN PERICOLO MORTALE

Le ostruzioni delle vie aeree da corpo estraneo rappresentano un pericolo mortale. Sono più frequenti nei bambini, ma si verificano anche in età adulta, soprattutto negli anziani, favorite dalla presenza di disfagia o dall’utilizzo di farmaci psicotropi.
Negli adulti l’ostruzione è spesso causata da cibo e, abitualmente, testimoniata, con la possibilità di intervento precoce da parte degli astanti, quando la vittima è ancora vigile.
Poiché il riconoscimento dell’ostruzione delle vie aeree è fondamentale per un intervento efficace, è importante non confondere questa emergenza con altre che possono manifestarsi con difficoltà respiratoria improvvisa, cianosi o perdita di coscienza (come la sincope, l’infarto miocardico, le convulsioni).

 

OSTRUZIONE PARZIALE O COMPLETA

In caso di ostruzione PARZIALE il corpo estraneo occlude solo parzialmente il passaggio di aria nei polmoni, determinando difficoltà respiratorie, tosse e possibili sibili espiratori. La vittima è ancora in grado di parlare e, alla domanda “Ti senti soffocare?”, risponderà di sì.

 

In caso di ostruzione COMPLETA il corpo estraneo occlude totalmente il passaggio di aria nei polmoni, comportando impossibilità a parlare, respirare, tossire. La vittima non sarà in grado di rispondere alle domande. Abitualmente, si porta le mani alla gola, nel segnale universale di soffocamento. Rapidamente insorge cianosi (colorito bluastro della cute) ed è possibile la perdita di coscienza. Se non si interviene rapidamente disostruendo le vie aeree la vittima, non essendo in grado di ossigenarsi, perderà coscienza entro pochi minuti, andando successivamente incontro ad arresto cardio-circolatorio.

 

COME EFFETTUARE LE MANOVRE DI SOCCORSO

Nel soggetto cosciente

1. Se l’ostruzione è parziale incoraggiare la vittima a tossire e non fare altro.

2. Se la vittima diventa debole, smette di tossire o di respirare: dare fino a 5 colpi dorsali fra le scapole. Il soccorritore si pone lateralmente alla vittima e le fa flettere il busto in avanti, sorreggendolo con la mano sinistra. Con la mano destra somministra 5 pacche nella zona inter-scapolare con movimento di fuga verso l’alto lateralmente.

 

Se i colpi dorsali non hanno efficacia, effettuare la manovra di Heimlich (compressioni addominali) in piedi. Tale manovra si compie posizionandosi dietro al paziente. Il punto di compressione lo si trova disegnando con la mano sinistra una “C”, in cui l’indice troverà l’ombelico e il pollice la parte inferiore dello sterno (processo xifoideo). Con l’altra mano, chiusa a pugno con il pollice all’interno, posta dentro alla “C, si compiono dei movimenti di compressione dal basso verso l’alto (movimento a cucchiaio).

Se l’ostruzione non si risolve, continuare alternando 5 colpi dorsali a 5 compressioni addominali.


Nel soggetto che ha perso conoscenza

1. Accompagnare con cautela il soggetto fino a terra.
2. Chiamare, o fare chiamare, il 118

3. Iniziare le manovre cardiopolmonari di base (RCP), con un rapporto di compressioni toraciche e ventilazioni di 30:2, indipendentemente dalla presenza di circolo.
4. Controllare il cavo orale prima delle ventilazioni e rimuovere corpi estranei solo se visibili (con pinze o aspiratore).

 

PER SAPERNE DI PIÚ

frecciaLinee guida ERC/IRC 2010

frecciaTutorial con immagini sulle manovre di soccorso

 

Dott.ssa Elena Cerutti

medico chirurgo ospedaliero di Medicina Interna

 


Vai alla sezione "bella fuori"

Stampa questa pagina

 

Valid HTML 4.01 Transitional Valid CSS