Silvia Giovannini

15 domande a… Silvia Giovannini
(giornalista pubblicista, nel 2010 ha pubblicato il suo primo romanzo di chick lit: Effetto Lifting).

Quando è nata la tua passione per la scrittura?
Ho da sempre voglia di leggere e scrivere. E’ un po’ come avere i capelli rossi: ci nasci. Anche se questa non è una garanzia di qualità 😉

Oltre a scrivere, che lavori hai fatto/ fai?
In effetti, c’entrano tutti con lo scrivere: collaboro con periodici locali, con una società di comunicazione, come addetta stampa, curo alcuni blog… Ma, soprattutto, sono una mamma (e, anche lì, scrivo: sui post it per non dimenticarmi le cose da fare!!!!).

Quali sono i tuoi modelli letterari?
A rischio di sembrare presuntuosa, sarò sincera: i classici greci e latini in fatto di forma e metodo per me sono il non plus ultra (per restare in tema). Ma nella mia libreria soft la prima ad entrare è stata la Kinsella e, nel genere chick, la considero assolutamente la migliore. Se, leggendo un libro ti viene contemporaneamente da ridere e da riflettere, il suo autore è uno che ci sa fare.

Cosa ti piace leggere?
Libri fucsia (quindi non rosa confetto sdolcinati). Amore, Amicizia e Lieto fine, ma senza… cariare i denti!

Il posto e il momento migliore per leggere un libro.
Di sera, in casa. Sono il tipo che “si fa divorare” da un libro. Se mi mancano poche pagine e mi trovo in mezzo ad un incendio è bene che mi portino in salvo, perchè io rischio di non accorgermene.

L’ultimo libro che hai comprato?
Un regalo da Tiffany di Melissa Hill di Newton Compon e un libro per bambine delle Tea Sisters, Le amiche di Tea Stilton. Non è per me, ma ammetto che mi appassiona 🙂

La tua citazione preferita?
La fortuna aiuta gli audaci.

La canzone che non ti stanchi mai di ascoltare?
Se mi piace non mi stanco mai di ascoltare una canzone. Ma di getto ti dico Hanno ucciso l’uomo ragno, in omaggio alla mia generazione.

Qual è l tuo rapporto con la televisione?
Divoratrice di telefilm, con una predilezione per gli ‘storici’ Streghe e Smallville: mi piacciono i supepoteri!

C’è un posto del mondo che ti piacerebbe ancora visitare?
Se ti dicessi che vorrei andare a Disneyland ad Orlando ti sembrerei infantile? 🙂

Sei invisibile per un giorno: dove vai?
Nella classe dell’asilo di mia figlia per capire come mai a scuola è così brava e a casa…

Saresti davvero felice se…
Posso non dirtelo? sai, è un po’ come con i desideri alle stelle cadenti…

Hai ancora qualche sogno nel cassetto?
Cassetto pieno, straripante e disordinato.

Comments are closed.