Menu Chiudi

Sport | Nordic walking

IL NORDIC WALKING, UNO SPORT PER TUTTI

di Maria Patrizia Latini

Nordic walking

L’attività motoria all’aperto che utilizza la tecnica chiamata “Nordic Walking”, appositamente studiata, rivista e perfezionata dai tecnici dell’A.N.I., si presenta come un’attività motoria a basso impatto alla portata di tutti, semplice, economica e soprattutto efficace nel miglioramento delle condizioni sia fisiche che psichiche di molte persone.

L’AUTRICE | Maria Patrizia Latini è Istruttore Nazionale A.N.I. (Associazione Nordic Fitness Italiana) per il settore anziani e handicap.

Più Nordic Walking, meno malattie

Dagli studi effettuati e pubblicati in Finlandia, Germania, Australia e negli USA, questa disciplina è risultata un ottimo strumento nella realizzazione dei tre livelli possibili di prevenzione (primaria, secondaria e terziaria). L’A.N.I., distaccandosi dal vecchio indirizzo finlandese di tipo prettamente sportivo, si è fatta interprete in Italia della visione tedesca del Nordic Walking, prevalentemente mirata alla prevenzione e al mantenimento dello stato di salute. In alcuni paesi europei l’attività del Nordic Walking viene proposta come attività preventiva i cui costi vengono sostenuti dalle istituzioni pubbliche. In particolare in Germania alle istituzioni pubbliche si sono affiancate le aziende private, che hanno potuto rilevare come l’attività costante del Nordic Walking riduca l’incidenza di assenze da lavoro per malattia.

Nordic Walking per tutti, tutto l’anno

L’A.N.I. ha creato un centro di attività stabile e di studio in provincia di Grosseto, dato che la morfologia del territorio è particolarmente favorevole allo sviluppo di questo tipo di attività, che può essere praticata nell’intero arco dell’anno e può coinvolgere fasce di popolazione particolarmente bisognose di attenzione quali obesi, ipertesi, diabetici, cardiopatici, mastectomizzate, non vedenti, non udenti, affetti da sindrome di Down, affetti da patologie di tipo osteoarticolare, le quali possono trovare effettivo giovamento nella pratica di quest’attività fisico-motoria a basso impatto sviluppata all’aperto. Anche le persone anziane e con problemi psico-fisici possono svolgere una costante attività fisica all’aria aperta tutto l’anno.

Un’attività motoria per il benessere di tutto il corpo

Il Nordic Walking migliora la circolazione, il tono muscolare, l’equilibrio, il respiro e soprattutto l’umore, può rendere gli anziani più autonomi e sicuri negli spostamenti e migliorare per tutti la qualità della vita. Il Nordic Walking è un’attività motoria dolce, senza controindicazioni; è più efficace di una normale camminata in quanto, grazie all’uso degli appositi bastoncini, coinvolge anche la parte superiore del corpo: spalle, braccia e schiena; è più salutare della corsa, in quanto il peso del corpo non grava solo su una gamba (come nel jogging) e quindi non si sforzano eccessivamente le articolazioni, per cui è particolarmente indicato per persone in sovrappeso , con problemi alle articolazioni o anziane.

Uno sport che fa bene anche a chi sta male

Il Nordic Walking è un’attività fisica particolarmente adatta a persone con problemi cardiaci non gravi, perché la velocità viene determinata dallo svolgimento stesso del movimento, la lunghezza del passo può essere aumentata a piacere e la velocità del movimento ha un limite biologico naturale, tutti fattori che limitano il grado di affaticamento al punto che la circolazione ne trae vantaggio e non vengono superati i limiti massimi di un sano sforzo. È un’attività particolarmente adatta anche ai soggetti ipertesi, diabetici, con osteoporosi, con disturbi alimentari, depressi, così come ai non udenti, non vedenti, disabili psico-fisici e donne mastectomizzate.

Nordic Walking e riabilitazione post-mastectomia

Alcuni studi definiscono infatti il Nordic Walking un’attività particolarmente idonea per la riabilitazione psico-fisica di donne mastectomizzate. Nel Convegno medico “Nordic Walking, Il Cammino della Resilienza”, tenutosi ad Abano Terme (PD) il 26-27 novembre 2010, è stato mostrato ad esempio come, dopo l’intervento di mastectomia, le terapie chimiche e radianti e i conseguenti cicli di fisioterapia, il Nordic Walking possa essere molto utile nel mantenimento di quanto svolto in sede riabilitativa, attraverso una rieducazione motoria relativamente semplice, perché permette, con una tecnica corretta, una graduale “normalizzazione” tissutale e circolatoria, migliorando quindi la postura, la dinamica del passo, la circolazione generale e stimolando efficacemente il metabolismo aerobico senza stressare nessun distretto corporeo.

Salute mentale e fisica: un binomio inscindibile

Come ripetutamente detto dall’OMS, la percezione dello stato di salute è strettamente legata all’aspetto psicologico e l’attività motoria svolta all’aperto è particolarmente adatta a migliorare proprio l’equilibrio psicofisico dell’individuo. L’intelligenza motoria è un serbatoio da cui la nostra attuale capacità intellettiva ha acquisito la maggior parte delle informazioni e il movimento può essere visto come base della nostra salute mentale. È sicuramente molto importante responsabilizzarci verso uno stile di vita dove l’attività motoria, l’alimentazione, l’equilibrio psico-sociale, ci permettano di mantenerci sani.

L’attività del Nordic Walking, con la sua naturalezza e grande adattabilità nel movimento, permette a chiunque di poter praticare una forma di attività motoria completa, armonica e divertente, fa ritardare il processo d’invecchiamento e fa sciogliere le contrazioni nella zona delle spalle e della nuca, dove si accumula lo stress nella maggior parte delle persone, creando notevole benessere per chi lo pratica.

L’Associazione Nordic Fitness Italiana

L’A.N.I. (Associazione Nordic Fitness Italiana), organizzazione che si propone in Italia come il punto di riferimento di quest’attività motoria prioritariamente indirizzata al benessere, opera dall’inizio del 2004 ed è stata la prima a far conoscere nel nostro paese il Nordic Walking. Con i suoi esperti di alto livello ha consentito una importante evoluzione della tecnica del Nordic Walking in seguito a studi di biomeccanica applicata e al concetto di tensintegrità applicato alla struttura mio-fasciale; questo, insieme al piacere di muoversi in gruppo in passeggiata, di sentire il proprio corpo arricchirsi di energia, di parlare con gli altri, di godere il piacere dei colori, degli odori e dei suoni all’aria aperta con le attività di landscape therapy in fase di studio e applicazione, fa del Nordic Walking qualcosa di speciale e unico per migliorare la qualità di vita di tutte le persone.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •