Menu Chiudi

Libri su lavoro e mobbing

LIBRI DI NARRATIVA E SAGGISTICA SUL LAVORO

Libri consigliati

Libri che raccontano il lavoro in tutte le sue sfaccettature. Storie vere di vita narrata in cui si cerca il lavoro, lo si cambia, lo si vive con difficoltà ma anche con ironia, lo si vorrebbe lasciare ma a volte si viene ‘lasciati’ da lui. E saggi sul lavoro che fa soffrire, quando diventa ‘perverso’ e si trasforma in occasione di mobbing.

NARRATIVA | Raccontare il lavoro

Cambiare lavoro

Letizia Jaccheri, Cuore e computer, 2004, Mondadori Informatica, pp. 103, GRATIS

Lasciare tutto ciò che si conosce, per affrontare un percorso di vita e di lavoro nuovo ed entusiasmante, in un paese straniero freddo solo nel clima. L’ha fatto Letizia Jaccheri, trasferendosi in Norvegia per un posto di docente nel Dipartimento di Computer e Informatica all’Università di Trondheim. E ha raccontato i suoi primi vent’anni di informatica in questo libro, che appassiona, sorprende, commuove e fa capire che la tecnologia non è soltanto bit & byte.

Raffaella Santulli, Mezzo pieno, Albus Edizioni, 2008, pp. 116, € 9.50

Cosa succede quando una neosposa meridionale deve trasferirsi per il lavoro del marito in una grande città del Nord (Torino) e adattarsi a una realtà tanto diversa? L’unica è ripartire da zero, ricordando “che dobbiamo svegliarci alle sette ogni mattina e timbrare il cartellino e andare a scuola e fare i compiti, che se invece ti compri un gelato e ti stendi sul prato al sole non hai fatto il tuo dovere”. Una storia che potrebbe essere quella di molte di noi, in un romanzo di esordio che, dopo aver vinto il Premio “Narrando”, si è fatto conoscere anche in Irlanda.

Cercare lavoro

Silvia Tagliaferri, Anonima part time, ARPANet, 2011, pp. 98, € 9.

Quando cercare un lavoro, anche part time, diventa una vera e propria occupazione full time, l’unica è prenderla con ironia. In tempi di tagli e precariato lo fa Silvia Tagliaferri, raccontando con umorismo cosa può succedere quando una ragazza di oggi cerca di entrare con tutte le sue forze nel mondo del lavoro.

AA.VV., E tutti lavorammo a stento. Italia 0-24, ARPANet, 2013, pp. 210, € 10

24 autori per 24 racconti, per scandire in forma di diario le ore di una giornata come tante in Italia, al lavoro (o alla sua ricerca), tra entusiasmo, speranze e precarietà: un fedele ritratto della vita professionale dei nostri tempi.

“La giornata si mette proprio bene. Maradona, San Giuseppe e la Madonna li vendiamo a sessanta euro a un gruppo di turisti spagnoli. Riusciamo a piazzare anche la statuetta dell’attuale governatore della BCE a quindici euro, incredibilmente a un turista tedesco. A essere sinceri la nostra richiesta era di venti euro ma il tedesco ci ha detto che lui non lo può vedere, la compra solo per rompergli la testa quando arriva a casa. (da Ore 11, Napoli – Il venditore ambulante)

Lavorare

Chiara Santoianni, Il lavoro più (in)adatto a una donna, CentoAutori, 2011, pp. 96, € 10

Che l’insegnante non fosse il lavoro più adatto a lei lo aveva deciso sui banchi della prima elementare. Ma la vita riserva sorprese: e così la protagonista di questo libro autobiografico si ritrova un bel giorno a vestire i panni della docente, in una scuola media di una degradata periferia meridionale. Sarà l’occasione per provare a se stessa che può farcela, anche se si tratta di affrontare una quotidianità fatta di alunni che camminano sui cornicioni delle finestre, colleghi non sempre solidali, una burocrazia scolastica incomprensibile. La soluzione potrebbe essere dietro l’angolo, grazie ad un cambio di mansioni, ma…
Con uno stile ironico e graffiante, l’autrice ci racconta senza veli una storia vera, offrendo uno sguardo sincero e distaccato sul mondo della scuola, che sembra aver perso il suo vero obiettivo: quello di formare le coscienze.

AA.VV. (a cura di G. Chierchia), Lavoro in corso, Albus Edizioni, 2008, pp. 158, € 13.

Un’antologia di 23 racconti, che affronta l’argomento del lavoro in tutte le sue sfaccettature, secondo ‘tempi’ musicali: dall'”allegro” dei testi umoristici, all'”andante” e al “grave” di quelli più seri. Ne emerge una visione del lavoro come attività ineluttabile, territorio di conflitti gerarchici, rischio estremo, ma anche fonte di sorprese e scelta irrinunciabile; elemento comunque centrale nella vita dei protagonisti, e certo anche degli autori (15 sono donne). Il lettore si identifica, sorride, si commuove; e serba dentro di sé la sensazione che, quando guarderà un insegnante, un impiegato, un operaio, un bancario, sarà con occhi diversi.

Mobbing

Antonio Capolongo, Cassa integrazione guadagni. La mia è straordinaria, Arduino Sacco Editore, 2012, pp. 204, €17,90.

“A partire da domani lei è sospeso dal lavoro, con ricorso alla cassa integrazione guadagni…” La lettera che Marcello (già protagonista del primo romanzo di Capolongo) riceve dalla sua azienda è l’inizio di un lungo calvario lavorativo. Nei 114 giorni che è costretto a rimanere a casa, imparerà a rivendicare i suoi diritti, ma anche a sconfiggere le sue paure.

Annalisa Puglielli, I Malamanager, Iacobelli, 2010, pp. 192, € 14.

Otilia Negresco è felicemente impiegata nel settore marketing internazionale, ma dal suo lavoro vuole qualcosa in più. Quando lo chiede, però, il suo legittimo desiderio di miglioramento diventa quasi subito un orribile incubo. Il nuovo ruolo “dirigenziale”, più che un un salto di carriera, è un salto nel vuoto, e da manager iperattiva Otilia verrà trasformata in impiegata ‘fantasma’, pagata per non far nulla in un lussuoso ufficio.

Roberto Gassi, La mosca bianca, Albus Edizioni, 2012, pp. 112, €9. Anche in ebook.

Una cronaca dettagliata di storie lavorative di “ordinaria ingiustizia sociale”, di raccomandazioni, di mobbing, i cui contenuti dolorosi sono descritti con sottile ironia e con un profondo senso di partecipazione.

Delphine de Vigan, Le ore sotterranee, Mondadori, 2010, pp. 219, €19.

Mathilde è ‘quadro’ in una grande azienda di marketing, ma il suo lavoro non le piace più. Da quando ha avuto un contrasto con il suo capo, infatti, è vittima di un processo di allontanamento e di esautoramento. Recarsi al lavoro, un tempo routine che riempiva la sua vita, oggi è soltanto un orribile incubo…

Annette Pehnt, Mobbing, “Bloom”, Neri Pozza, pp. 160, €15.

Attraverso le parole di una donna, la moglie di Jo, licenziato senza preavviso dal lavoro – e quindi dal punto di vista di chi assiste agli effetti del mobbing – scopriamo la storia di un impiegato come tanti, le cui sorti cambiano un giorno all’arrivo di una nuova dirigente.

SAGGISTICA | Comprendere il mobbing

Simona Bartolini, Alessandro Serini, Come se non ci fossero. Il mobbing e i meccanismi sociali di negazione dei lavoratori, a cura dell’Iref, “Atmosfere sociali”, Franco Angeli, pp. 208, 1a edizione 2007, € 20.

F. Blasi, C. Petrella, Il lavoro perverso, pp. 291, Istituto Italiano per gli studi Filosofici GRATIS.

Robert I. Sutton, Il metodo antistronzi. Come creare un ambiente di lavoro più civile e produttivo o sopravvivere se il tuo non lo è, “Antidoti”, Elliot Edizioni, 2007, pp. 224, €14.

Marie-France Hirigoyen, Molestie morali. La violenza perversa nella famiglia e nel lavoro, Einaudi, 2000.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •