Menu Chiudi

Scrivere un blog

GIULIA BATTISTOLO 🙂 SPIEGA COME SCRIVERE UN BLOG E FARSI LEGGERE

Blogging

Sembra che tutti, al giorno d’oggi, tengano un blog. Da chi racconta le uscite con le amiche a chi scrive con regolare professionalità, nessuno sembra esimersi dal desiderio di mettere una parte di sé a disposizione della Rete. All’inizio magari ci si rimugina un po’, ci si dice che “tanto a chi vuoi che interessi”, ci si risponde che “però, se ce l’ha pure la portinaia…”, finché un giorno ci si decide. Si prova, pensando “ma sì, tra due giorni cancello tutto”. E poi ci si diverte troppo per lasciar perdere.

Le regole del blogging

Allora, visto che sembra inevitabile che ognuno di noi scriva, ecco alcuni piccoli consigli a metà strada tra la netiquette, il buonsenso e le nuove regole della scrittura online.

N° 1 – Segui gli altri blogger

Può sembrare ovvio, ma se vuoi tenere un blog il primo requisito é quello di aver voglia di leggere quelli degli altri. Curiosare sui blog altrui partecipando attivamente con commenti ti permette di crearti una rete di amici virtuali che avranno piacere di ricambiare le visite; inoltre, leggere spesso ciò che scrivono gli altri può darti spunti, stimoli, argomenti di riflessione. Un blog chiuso in se stesso non ha senso.

N° 2 – Linka gli amici

Linkiamoci: è buona norma aggiungere alla propria pagina un elenco di siti amici, sperando che contraccambino il favore, e aggiornarla periodicamente. Più l’elenco si allunga, più la nostra rete di contatti si allarga.

N° 3 – Scrivi solo se hai qualcosa da dire

Ti sembra di non avere idee, di non avere niente da scrivere? Se non hai proprio niente da dire, attendi il momento in cui potrai dare il tuo contributo al mondo: la democraticità del mezzo non dovrebbe spingerti ad affollare la Rete di parole poco sentite. Se invece non sai come esprimere le mille cose che hai in mente, puoi farti dare una mano da un’amica piú brava di te.

N° 4 – Sii sempre te stessa

Non fingere di essere ciò che non sei, a meno di non essere bravissima a costruirti un’identità alternativa e affascinante. Può essere più piacevole leggere di argomenti banali, ma sinceri e ben scritti, piuttosto che rocambolesche avventure senza credibilità.

N° 5 – Blog a tema… libero

Scegliere un tema può essere utile: la cucina, la musica, il giardinaggio, ciò che ci appassiona di più. Nessun tema è fuori tema, in un blog! Può essere però altrettanto piacevole scegliere di non avere un tema, di scrivere giorno per giorno ciò che ci passa per la testa. Può darsi che in questo modo sia la tua personalità, il tuo stile unico, a fare da collante al tutto.

N° 6 – Va il minimal!

Il fatto che la Rete ci permetta di condividere foto e video con estrema facilità non dovrebbe farti sentire obbligata ad affollare le tue pagine di immagini. Meglio optare per uno stile minimalista, che pare vada anche di moda. Nulla in contrario a chi mette in mostra belle fotografie o video divertenti, ma le pagine cariche di animazioni fosforescenti hanno fatto il loro tempo.

N° 7 – Scrivi di te

Scrivi cose sentite e personali. Non dobbiamo necessariamente aprire il nostro cuore al popolo della Rete, ma nemmeno accontentarci di copiare testi di canzoni e brani da libri: a meno che il titolo del tuo blog non sia proprio “La Citazione del Giorno”, il visitatore sarà più incuriosito dal tuo parere e dalla tua personalità, piuttosto che da parole scritte da qualcun altro (e spesso già citate ovunque).

N° 8. Attenzione alla dipendenza da blog

Cerca di evitare di diventare blog-dipendente e di controllare freneticamente il contatore delle visite! Un blog ti permetterà di trovare nuovi amici, e forse ti aiuterà a riprendere le forze in un momento in cui ti senti sola, ma appena superata questa fase alza il telefono e chiama le amiche che non senti da tempo!

Libro

IL LIBRO | Come si fa un blog
Sergio Maistrello, Come si fa un blog, Tecniche Nuove, pp. 192. Un manuale su come creare e gestire un blog, personalizzarne l’interfaccia, pubblicare i contenuti e catturare l’attenzione della community dei bloggers.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •