Menu Chiudi

Per ricominciare non è mai tardi

5
(2)

PINELLA 🙂 NON SA PIÙ CHI È, MA SA CHE DEVE FARCELA

Sono disperata: mi hanno licenziata un anno fa, il mio avvocato (donna) mi ha scaricata e mi ritrovo senza soldi, con due figli e un ricorso in sospeso. Mi sembra di impazzire, soprattutto perché sembra che il mio dolore non interessi a nessuno. Vivo in Basilicata, ma non mi sento libera e mi piacerebbe trasferirmi in un’altra città, magari al Nord dove ho una cugina, per ricominciare daccapo: mi piacerebbe collaborare con un’azienda che venda prodotti alimentari DOC o DOP. Ho voglia di vivere e di essere giovane.

Prima, però, è importante per me riavere il lavoro e far valere le mie ragioni, ma soprattutto ritrovarmi, perché ora sono molto fragile e confusa, mi sento come se avessi smarrito me stessa. Mi trovo in questa situazione per essermi fidata di chi mi circondava e aver cercato di rappresentare per loro ciò che si aspettavano da me; ora non so più chi sono né cosa pensano di me gli altri, mi è sfuggito tutto di mano e ho paura. Ho perso la mia autostima per aver creduto in chi non lo meritava e potrò superare ciò solo riproponendomi appagata e serena, per dimostrare a chi mi ha ferito che non è più importante per me. Dentro di me c’è una rabbia primitiva, soprattutto verso me stessa, ma devo farcela: vorrei farmi vedere dai miei figli vincente e degna di rispetto.

Vorrei trovare su Chiara’s Angels un nuovo approdo, dove rifarmi segretamente il look e leccarmi le ferite, senza farlo sapere a chi mi è intorno, intanto che cerco di ritornare com’ero; vorrei trovare donne sole ma orgogliose e forti, che intendono farsi coraggio e compagnia quando sono sole e disorientate. Per la prima volta nel tuo sito ho riconosciuto qualcosa che conosco e che mi è appartenuto…

Chiara risponde

Ho creato questo sito proprio per non far sentire mai più sole le donne. Prima di tutto, però, per i problemi di lavoro dovresti chiedere una consulenza a uno sportello antimobbing e/o a un centro per le donne: potranno fornirti gratuitamente assistenza legale, aiuto per cambiare impiego e il supporto di una psicoterapeuta per superare questo periodo di smarrimento. Anche la ASL ti fornisce assistenza psicologica, pagando solo il ticket. Ricorda comunque che devi sempre fare affidamento solo su te stessa e non curarti del giudizio altrui. Una volta che ti sarai rimessa a nuovo, potrai pensare al trasferimento, magari cercando prima lavoro nella tua regione (il Sud è ricco di prodotti alimentari tipici) e poi proponendoti per il marketing in altre città. Accertati già da ora se tua cugina sarebbe disponibile per ospitarti e aiutarti a trovare un lavoro al Nord. Se devi ancora preparare il tuo curriculum, puoi imparare a scrivere un cv professionale nella nostra sezione “Lavoro”. Un altro fattore da prendere in considerazione è la tua situazione familiare (tuo marito si opporrebbe al trasferimento dei figli?).
È sempre possibile ricominciare da capo, ma devi organizzarti bene.

Patrizia risponde

Devi superare la tua rabbia, per non sfogarla con tutti, il che ti escluderebbe dalle normali situazioni di lavoro e dai contatti sociali. Dovrai rimboccarti le maniche e non guardarti mai indietro! Tutte le esperienze servono. Non sono certa che potrai avere soddisfazione contro il datore di lavoro; se accadrà, meglio. Quando non aspetterai più questo, potrai tornare a essere te stessa. Oltre che ai centri antimobbing, ti consiglierei di rivolgerti a una brava psicoterapeuta familiare, o a un counselor sistemico-relazionale.

Il post ti è piaciuto? Votalo!

Ci dispiace che tu non abbia trovato utile questo post!

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Posted in Lavoro

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *